CasaPound e l’ultimatum a Facebook: «Riattivate le pagine entro 48 ore o sarà class action»





Il conto alla rovescia è partito all’ora di pranzo di oggi, mercoledì 11 settembre: se Facebook non ripristinerà le pagine relative a CasaPound e ai suoi attivisti, sarà avviata una class action contro l’azienda di Mark Zuckerberg . La presa di posizione delle Tartarughe, il movimento di estrema destra che ha la propria sede nel palazzo occupato di via Napoleone III 8 a Roma, segue a ruota la denuncia annunciata questa mattina da Roberto Fiore di Forza Nuova , l’altro movimento neo-fascista colpito dalla scure della censura da parte del famoso social network. «Ci hanno cancellato tutte le pagine Facebook, a cominciare da quella Casapound Italia con 280mila iscritti e proseguendo con quelle di tutte le realtà a noi collegate: Blocco Studentesco, Solid, addirittura quella dell’associazione disabili Impavidi Destini – si legge nella nota diffusa da CasaPound Italia -.

Per leggere il resto dell’articolo devi collegarti direttamente sul sito della fonte:









Continua

Pubblicato il: 11 Settembre 2019

Potrebbero interessarti anche»